Eddie Van Halen è morto

eddie van halen

Il più grande chitarrista rock della scena mondiale Eddie Van Halen è morto.E’ considerato tra i più influenti della storia dell’heavy metal, aveva formato la band nel 1972 insieme al fratello Alex, con il quale si unirono poi il bassista Michael Anthony e il cantante David Lee Roth.

Non posso credere di doverlo scrivere, ma mio padre, Edward Lodewijk van Halen, ha perso la sua lunga e dura battaglia contro il cancro questa mattina – ha scritto su Twitter il figlio Wolfgang – È stato il miglior padre che avrei potuto chiedere. Ogni momento che ho passato con lui, sopra o fuori dal palco, è stato un regalo. Il mio cuore è spezzato e non credo che potrò mai riprendermi a pieno da questa perdita. Ti amo tanto, Pop”.

 




Eddie Van Halen il Re del Tapping

La principale innovazione tecnica che ha permesso a Eddie Van Halen di salire nell’Olimpo della chitarra è senz’altro il tapping, che consiste nel suonare lo strumento con entrambe le mani sulla tastiera in modo da coprire intervalli inusualmente ampi e impossibili da raggiungere con il legato tradizionale. Al di là di questo, comunque, Van Halen costituisce un punto di riferimento per varie generazioni di chitarristi sia per il suo approccio originale nella creazione degli assoli che per la grande attenzione alla ritmica, nella quale sono ricomprese una grande padronanza del suono e persino la personalizzazione dello strumento, divenuta dopo di lui un’abitudine degli artisti rock.

Ha suonato anche come turnista per altri artisti: nel 1983 fu infatti scritturato per suonare l’assolo in Beat It di Michael Jackson, prodotta da Quincy Jones. Al tal proposito si può citare un curioso aneddoto: alcuni anni più tardi Jennifer Batten, turnista di Jackson, eseguì lo stesso assolo in uno studio di registrazione in cui, per casualità, era presente anche van Halen; ascoltate le prime note dell’assolo, Eddie si recò nello studio adiacente e chiese a Batten di rifarlo con la sua Kramer 5150. Una volta terminato le chiese di farglielo rivedere perché non avendolo più rifatto dall’epoca della registrazione l’aveva dimenticato.

 

 




 

Il celebre Jump dei Van Halen

 

 

I fratelli van Halen fondarono la leggendaria band nel 1972, anche se solo due anni dopo prese il nome con la quale è diventata famosa. Il gruppo divenne rapidamente un punto fermo della scena musicale di Los Angeles durante la metà degli anni ’70. L’album 1984 divenne cinque volte disco di platino a un anno dalla sua pubblicazione e il suo più celebre singolo, Jump, è diventato la prima e unica hit pop n. 1 della band e ha regalato loro una nomination ai Grammy.

 




 

Il genio di Van Halen

Nonostante fosse un virtuoso della chitarra elettrica, Eddie non imparò mai a leggere la musica. “Non so un c… di scale o di teoria musicale – disse in un’intervista al Rolling Stone nel 1980 – Non voglio essere considerato come la chitarra più veloce, pronto ad abbattere la concorrenza. Ciò che so è che la chitarra rock & roll come il blues dovrebbe essere una melodia… ma cosa più importante dovrebbe avere delle emozioni. Voglio solo suonare la mia chitarra per far sentire qualcosa alle persone, felicità, tristezza o anche eccitazione“.

 




 

La discografia di Eddie Van Halen

da Wikipedia

Album in studio

Live

Altri album

 

Grazie per il tuo contributo Eddie, senza di te la storia della chitarra non sarebbe stata la stessa!!!

 








 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*