Gli Intervalli musicali

Tavola degli intervalli

Gli Intervalli – Lezioni di Teoria musicale

In questa lezione parlerò degli intervalli, della loro classificazione e definizione. Se desideri scoprire come si costruiscono e cosa sono gli intervalli, non ti resta che leggere il contenuto di questa lezione.

Indice degli argomenti trattati in questa lezione

  • La definizione di Intervallo in musica
  • Come si calcolano gli intervalli musicali?
  • Quali sono i  diversi tipi di intervalli musicali?
  • Intervalli minori
  • Intervalli aumentati
  • Intervalli diminuiti
  • Tavola degli intervalli

La definizione di Intervallo in musica

Un intervallo, in musica, è la distanza tra due suoni prodotti simultaneamente ( intervallo armonico) o uno dopo l’altro (intervallo melodico). La teoria della musica classica riconosce diversi tipi di intervalli tra cui: intervalli consonanti, intervalli diatonici, intervalli cromatici. Nerina Poltronieri insegnante del Conservatorio di Santa Cecilia in Roma nel suo libro di teoria musicale riferisce la seguente definizione molto tecnica: “L’intervallo è il rapporto fra il numero di vibrazioni di due suoni”. La definizione espressa dalla Poltronieri è sicuramente la più giusta a livello tecnico. La distanza fra le note C-D,D-E,F-G,G-A e A-B è uguale e viene chiamata tono. La Distanza,invece fra E-F e B-C è la metà di quella di prima e viene chiamata semitono. Gli intervalli musicali possono essere di 2 (seconda), terza, 4,5,6,7,8 a seconda del numero di note che intercorrono fra i due suoni.

Come si calcolano gli intervalli musicali?

Gli intervalli melodici o armonici, si calcolano partendo dalla nota più bassa aal più acuta (non alta, mi raccomando!!!) anche se la prima nota suonata è la più acuta. In questo ultimo caso l’intervallo è detto discendente, in caso contrario ascendente

Quali sono i  diversi tipi di intervalli musicali?

Facendo riferimento alla scala maggiore, sono detti giusti gli intervalli di 1(unisono), 4,5 e 8(ottava), quindi intervalli giusti. Gli intervalli di 2,3,6,7 sono detti maggiori, quindi intervalli maggiori.

Intervalli minori

Quando un intervallo maggiore viene abbassato di un semitono si ottiene un intervallo minore.

Intervalli aumentati

Quando un intervallo maggiore o giusto si alza di un semitono si ottiene un intervallo aumentato o eccedente.

Intervalli diminuiti

Quando un intervallo maggiore o giusto si abbassa di un semitono si ottiene un intervallo diminuito.

Tavola degli intervalli

Tavola degli intervalli

 

Esercizi Consigliati

Formare intervalli di 2 e 3 maggiore ascendenti e discendenti

Formare intervalli di 3 maggiore e minore; ascendenti e discendenti

Scrivere intervalli maggiori, minori, giusti, aumentati e diminuiti.

Indice

Consulta la mia lezione su Concetto di tonalità

Leggi la mia lezione sulla costruzione della scala maggiore

Leave a Reply

Rispondi