Lo studio degli accordi e l’armonia – Lezione 1

armonizzazione_scala_maggiore

Lo studio degli accordi e l’armonia – Concetti di Base

Hai mai sentito parlare di accordi e di armonia? Sai realizzare sulla carta da musica gli accordi maggiori e minori per chitarra o pianoforte? Se la risposta è no, non preoccuparti e continua a leggere questa lezione. Non devi temere l’armonia e le regole ad essa correlate. Lo studio dell’armonia è alla base di ogni musicista che si rispetti. Allora vuoi dare un’occhiata alla mia lezione sullo studio degli accordi e l’armonia – Concetti di base. Per seguire bene la seguente lezione devi conoscere gli intervalli, se non hai  ancora studiato gli intervalli musicali, ti invito a farlo leggendo la mia lezione sugli intervalli

 

Argomenti trattati in questa lezione

Premessa

In questa lezione accenneremo i concetti di base che servono per costruire e realizzare tutti gli accordi. L’argomento sarà ampliato in futuro con una sezione dedicata completamente all’armonia. Un buon chitarrista deve conoscere a menadito gli accordi e la loro costruzione, perchè la chitarra essendo uno strumento polifonico può realizzare accordi di ogni genere un pò come il pianoforte.

La realizzazione degli accordi

Quando tre suoni (o note) sono disposti in ordine di terze e messi insieme armonicamente (uno sull’altro)  abbiamo come risultato l’accordo o nel caso di tre note la triade(perchè formato da tre suoni). Nell’armonia classica, l’interpretazione di un accordo posizionato in questa maniera, può chiamarsi anche accordo di quinta (5), perchè l’intervallo fra il primo suono, chiamato basso o nota fondamentale, ed il terzo, in posizione acuta è un intervallo di quinta. L’aspetto dell’armonia secondo il classicismo sarà affrontato più in avanti con lezioni specifiche e per utenti già addetti ai lavori.

Realizzazione accordi maggiori

L’accordo formato da un intervallo di terza maggiore (C-E) e un intervallo di terza minore (E-G) sovrapposte si può chiamare accordo perfetto maggiore o più semplicemente triade maggiore. Ecco, dunque, come si realizza armonicamente  e sul pentagramma musicale l’accordo maggiore:

Realizzazione accordi minori

L’accordo formato da un intervallo di terza minore (C-Eb) e un intervallo di terza maggiore (Eb-G) sovrapposte si può chiamare accordo perfetto minore o più semplicemente triade minore. Questa invece è la realizzazione armonica sul pentagramma musicale dell’accordo minore a tre voci.

 

Importantissimo!!! La realizzazione degli accordi a tre voci è la stessa delle triadi, infatti triade è sinonimo di accordo a tre voci.

 Se vuoi approfondire l’argomento delle triadi consulta la mia lezione di chitarra sulle triadi e cominciale a studiare da subito sul manico della chitarra.

 

Armonizzazione della scala (cenni)

Su ogni grado della scala, si possono formare accordi a tre o a più voci sovrapponendo a ciascun grado altre note in ordine di terza, come nell’esempio:

armonizzazione_scala_maggiore

Questo processo è detto armonizzazione della scala, maggiore in questo caso. Parleremo nelle prossime lezioni di armonia di come avviene tutto ciò e di come si usa.

Rivolti

Quando i suoni che compongono l’accordo sono disposti in ordine di terza, si dicono in posizione fondamentale. Ogni accordo può essere suonato anche in stato di rivolto, ponendo la terza o la quinta del suono fondamentale come nell’esempio sottostante:

Esercizi consigliati

Scrivi in tutte le tonalità gli accordi principali ed i loro rivolti.

Ti è piaciuta la lezione? Lasciami un like sulla mia pagina FB oppure visita il mio canale youtube per tutorial e lezioni di chitarra gratuite

Be the first to comment

Rispondi